Ancora sul problema degli ossi scolpiti del Museo di Alessandria