CORRIDOIO BERLINO–PALERMO. NUOVI ASSETTI, NUOVE QUESTIONI