A proposito di "Nero lucente". Lettera ad Andrea Sciascia