Trascorso più di un decennio dalla sua entrata in vigore, la riforma in materia di indagini difensive (l. 7 dicembre 2000, n. 397) continua a lasciare aperti numerosi aspetti problematici. Un nucleo cospicuo di dubbi irrisolti riguarda le evenienze che conseguono all’esercizio della facoltà di non rispondere da parte della persona chiamata a essere ascoltata nel corso dell’“inchiesta privata”. La figura di incidente probatorio prevista in questo contesto, “stravagante”, sia per le sue finalità, sia per le dinamiche che implica, ha impegnato la giurisprudenza a risolvere diverse questioni: in particolare, si è reso necessario stabilire il “peso” dell’iniziativa tendente a introdurre il peculiare momento istruttorio. L’indirizzo rigoroso sinora prevalso, che mira a escludere la vincolatività della relativa richiesta,suggerisce di riconsiderare in un’ottica complessiva gli equilibri tra le “parti” nel procedimento penale.

Parlato, L. (2012). Il “diritto al silenzio” del potenziale testimone e l’incidente probatorio in sede di indagini difensive. DIRITTO PENALE E PROCESSO, 7(7), 871-878.

Il “diritto al silenzio” del potenziale testimone e l’incidente probatorio in sede di indagini difensive

PARLATO, Lucia
2012-01-01

Abstract

Trascorso più di un decennio dalla sua entrata in vigore, la riforma in materia di indagini difensive (l. 7 dicembre 2000, n. 397) continua a lasciare aperti numerosi aspetti problematici. Un nucleo cospicuo di dubbi irrisolti riguarda le evenienze che conseguono all’esercizio della facoltà di non rispondere da parte della persona chiamata a essere ascoltata nel corso dell’“inchiesta privata”. La figura di incidente probatorio prevista in questo contesto, “stravagante”, sia per le sue finalità, sia per le dinamiche che implica, ha impegnato la giurisprudenza a risolvere diverse questioni: in particolare, si è reso necessario stabilire il “peso” dell’iniziativa tendente a introdurre il peculiare momento istruttorio. L’indirizzo rigoroso sinora prevalso, che mira a escludere la vincolatività della relativa richiesta,suggerisce di riconsiderare in un’ottica complessiva gli equilibri tra le “parti” nel procedimento penale.
Parlato, L. (2012). Il “diritto al silenzio” del potenziale testimone e l’incidente probatorio in sede di indagini difensive. DIRITTO PENALE E PROCESSO, 7(7), 871-878.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Parlato Dir.pen.proc.2012 view.pdf

Solo gestori archvio

Dimensione 113.37 kB
Formato Adobe PDF
113.37 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/75534
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact