A proposito della nuova edizione del "De resurrectione mortuorum" dello pseudo Atenagora e dello pseudo Giustino