Publilio Siro e la tradizione gnomologica