The familiar and patrimonial fortunes of the Luna’s in the 15th century appear to be oriented at crucial moments by the prelate of the family, Pietro the archbishop of Messina, second-born children of the Count of Caltabellotta, Antonio Luna and his wife Beatrice Cardona. Pietro is the guiding beacon for his brothers Carlo and Sigismondo. Intervening on their behalf in order to settle the disputes and financial difficulties of the two, he purchases by means of loans and sales their real estates; He then starts managing the family’s assets first indirectly and then directly by assuming the control of it. Pietro Luna is for a short time the dominus of Sambuca and Bivona and the administrator of Caltabellotta’s county. He is involved in a variety of business transactions and he is active on the wheat trade. Being the right hand man of the monarchy he fulfils delicate tasks for the defence of the kingdom.

Le vicende familiari e patrimoniali dei Luna nel XV secolo appaiono seguite quasi indirizzate nei momenti decisivi dal presule di famiglia, Pietro, arcivescovo di Messina, secondogenito del conte di Caltabellotta, Antonio Luna, e di Beatrice Cardona. Pietro è il punto di riferimento dei fratelli Carlo e Sigismondo e interviene in più occasioni in loro aiuto, a causa delle difficoltà economiche e delle contese fra i due, acquistando con vendite-prestito i loro beni immobili; gestisce, così, prima indirettamente poi direttamente assumendone il controllo, il patrimonio familiare. Il Luna per un breve periodo è dominus di Sambuca e Bivona e amministratore della contea di Caltabellotta. Impegnato in diverse transazioni economiche, è attivo nella vendita di frumento. Uomo di fiducia della monarchia riveste al suo servizio delicati incarichi per la difesa del Regno.

Russo, M.A. (2012). Pietro Luna: uomo di Chiesa, di potere e arbitro delle sorti familiari. MEDITERRANEAN CHRONICLE, 2, 155-171.

Pietro Luna: uomo di Chiesa, di potere e arbitro delle sorti familiari

RUSSO, Maria Antonietta
2012

Abstract

Le vicende familiari e patrimoniali dei Luna nel XV secolo appaiono seguite quasi indirizzate nei momenti decisivi dal presule di famiglia, Pietro, arcivescovo di Messina, secondogenito del conte di Caltabellotta, Antonio Luna, e di Beatrice Cardona. Pietro è il punto di riferimento dei fratelli Carlo e Sigismondo e interviene in più occasioni in loro aiuto, a causa delle difficoltà economiche e delle contese fra i due, acquistando con vendite-prestito i loro beni immobili; gestisce, così, prima indirettamente poi direttamente assumendone il controllo, il patrimonio familiare. Il Luna per un breve periodo è dominus di Sambuca e Bivona e amministratore della contea di Caltabellotta. Impegnato in diverse transazioni economiche, è attivo nella vendita di frumento. Uomo di fiducia della monarchia riveste al suo servizio delicati incarichi per la difesa del Regno.
Settore M-STO/01 - Storia Medievale
Settore M-STO/09 - Paleografia
Russo, M.A. (2012). Pietro Luna: uomo di Chiesa, di potere e arbitro delle sorti familiari. MEDITERRANEAN CHRONICLE, 2, 155-171.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Maria Antonietta Russo- Pietro Luna.pdf

non disponibili

Dimensione 7.03 MB
Formato Adobe PDF
7.03 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/73381
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact