La chiesa di San Domenico tra Quattrocento e Cinquecento