La proficua "irrequietezza" del Diritto ecclesiastico. Primi cenni