Descrivere qual è il contributo del femminile alla riflessione contemporanea significa fare i conti con un pensiero di “genere” che accoglie il passaggio dalla “libertà da” come libertà negativa alla “libertà di” come libertà di empatizzare (1), di giudicare e volere autonomamente (2), di porre a fondamento del suo stesso essere persona plurale la capacità di provare disgusto e vergogna al di fuori di ogni pensiero dominante (3). In questo processo triadico, ascrivibile nella sua genesi ad Edith Stein (l'empatizzate), Hannah Arendt (il pensare e il volere con l'autonomia del paria) e Martha Nussmaum (il perdonare)si definisce la possibilità/capacità della donna di realizzare quella discontinuità con il passato che rende possibile la “libertà di” esserci, qui ed ora, consapevolmente, interpretando e orientando il presente attraverso le proprie peculiarità riflessive e culturali.

Bartholini, I.M. (2012). Dalla “libertà da” alla “libertà di”. Il pensiero contemporaneo al femminile nella ridefinizione dei confini dell’empatizzare, del pensare, del disgusto e della vergogna. CRONACHE E OPINIONI, n. 7-8, Luglio-Agosto 2012(nn. 7/8), 39-40.

Dalla “libertà da” alla “libertà di”. Il pensiero contemporaneo al femminile nella ridefinizione dei confini dell’empatizzare, del pensare, del disgusto e della vergogna

BARTHOLINI, Ignazia Maria
2012

Abstract

Descrivere qual è il contributo del femminile alla riflessione contemporanea significa fare i conti con un pensiero di “genere” che accoglie il passaggio dalla “libertà da” come libertà negativa alla “libertà di” come libertà di empatizzare (1), di giudicare e volere autonomamente (2), di porre a fondamento del suo stesso essere persona plurale la capacità di provare disgusto e vergogna al di fuori di ogni pensiero dominante (3). In questo processo triadico, ascrivibile nella sua genesi ad Edith Stein (l'empatizzate), Hannah Arendt (il pensare e il volere con l'autonomia del paria) e Martha Nussmaum (il perdonare)si definisce la possibilità/capacità della donna di realizzare quella discontinuità con il passato che rende possibile la “libertà di” esserci, qui ed ora, consapevolmente, interpretando e orientando il presente attraverso le proprie peculiarità riflessive e culturali.
Settore SPS/07 - Sociologia Generale
http://www.cifnazionale.it/pubblicazioni/cronache/2012tuttinumerianno/7-8_2012
Bartholini, I.M. (2012). Dalla “libertà da” alla “libertà di”. Il pensiero contemporaneo al femminile nella ridefinizione dei confini dell’empatizzare, del pensare, del disgusto e della vergogna. CRONACHE E OPINIONI, n. 7-8, Luglio-Agosto 2012(nn. 7/8), 39-40.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ZOOM-luglio-agosto_2012-19.pdf

Solo gestori archvio

Dimensione 670.21 kB
Formato Adobe PDF
670.21 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/73147
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact