Tucidide e la psicologia di massa: alcune considerazioni