Il presente studio approfondisce la genesi geometrico-costruttiva del sistema di copertura del teatro diurno Politeama Garibaldi a Palermo; un’opera architettonica esemplare e rappresentativa nel panorama dell’Architettura siciliana dell’Ottocento per caratteri stilistici, compositivi e strutturali. La proposizione progettuale del Politeama palermitano, ad opera dell’architetto, artista e ingegnere Giuseppe Damiani Almeyda, riprende la tipologia architettonica italiana ed europea, rispondendo ai requisiti funzionali di rappresentazioni di spettacoli di vario genere . Le scelte progettuali e le vicende per la realizzazione della fabbrica -protrattasi in un lungo arco temporale di quasi un trentennio- manifestano i tratti distintivi della figura del Damiani, e raccontano le grandi trasformazioni urbanistiche e gli eventi politico-sociali ed amministrativi della cultura palermitana di metà Ottocento. Il processo di conoscenza e di studio intrapreso mira a fornire utili chiavi di lettura e di interpretazione sulla genesi dell’elegante ed originale sistema costruttivo di copertura della sala per spettacoli, attraverso la redazione di schemi geometrici sui disegni di progetto originali e la sovrapposizione in trasparenza dei livelli in pianta e in alzato. La realizzazione di inediti modelli digitali del sistema costruttivo ha permesso di maturare una maggiore consapevolezza delle interrelazioni spaziali e volumetriche tra i sistemi tipologici e delle soluzioni strutturali adottate.

Di Paola, F. (2012). Il sistema di copertura del Teatro Politeama di Palermo. DISEGNARE CON..., 5, 103-116.

Il sistema di copertura del Teatro Politeama di Palermo

DI PAOLA, Francesco
2012

Abstract

Il presente studio approfondisce la genesi geometrico-costruttiva del sistema di copertura del teatro diurno Politeama Garibaldi a Palermo; un’opera architettonica esemplare e rappresentativa nel panorama dell’Architettura siciliana dell’Ottocento per caratteri stilistici, compositivi e strutturali. La proposizione progettuale del Politeama palermitano, ad opera dell’architetto, artista e ingegnere Giuseppe Damiani Almeyda, riprende la tipologia architettonica italiana ed europea, rispondendo ai requisiti funzionali di rappresentazioni di spettacoli di vario genere . Le scelte progettuali e le vicende per la realizzazione della fabbrica -protrattasi in un lungo arco temporale di quasi un trentennio- manifestano i tratti distintivi della figura del Damiani, e raccontano le grandi trasformazioni urbanistiche e gli eventi politico-sociali ed amministrativi della cultura palermitana di metà Ottocento. Il processo di conoscenza e di studio intrapreso mira a fornire utili chiavi di lettura e di interpretazione sulla genesi dell’elegante ed originale sistema costruttivo di copertura della sala per spettacoli, attraverso la redazione di schemi geometrici sui disegni di progetto originali e la sovrapposizione in trasparenza dei livelli in pianta e in alzato. La realizzazione di inediti modelli digitali del sistema costruttivo ha permesso di maturare una maggiore consapevolezza delle interrelazioni spaziali e volumetriche tra i sistemi tipologici e delle soluzioni strutturali adottate.
Settore ICAR/17 - Disegno
Di Paola, F. (2012). Il sistema di copertura del Teatro Politeama di Palermo. DISEGNARE CON..., 5, 103-116.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
3158-7621-3-PB.pdf

accesso aperto

Descrizione: file pubblicato sulla rivista scientifica fornito dall'editore
Dimensione 3.01 MB
Formato Adobe PDF
3.01 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/71723
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact