Echi pompeiani ed ercolanesi nella scenografia teatrale del XIX secolo