Wilhelm Studemund e il «martire illustre della paleografia»