Partendo dalla recente letteratura psicologica sui limiti dei processi decisionali, il presente contributo ripensa criticamente la diffusa convinzione secondo cui un’ampia possibilità di scelta è sempre vantaggiosa e desiderabile. In particolare sono esaminate le principali ragioni per le quali la sovrabbondanza di decisioni imposte all’individuo dalla società odierna può tradursi in una logorante “tirannia di troppa scelta”.

Cardaci, M. (2012). Variabili situazionali e psicologiche nell’eccesso di scelta. In A.I. Luca Tateo (a cura di), Decisa–mente. Teorie, processi e contesti di decision making (pp. 23-28). Roma : Aracne editrice.

Variabili situazionali e psicologiche nell’eccesso di scelta

CARDACI, Maurizio
2012-01-01

Abstract

Partendo dalla recente letteratura psicologica sui limiti dei processi decisionali, il presente contributo ripensa criticamente la diffusa convinzione secondo cui un’ampia possibilità di scelta è sempre vantaggiosa e desiderabile. In particolare sono esaminate le principali ragioni per le quali la sovrabbondanza di decisioni imposte all’individuo dalla società odierna può tradursi in una logorante “tirannia di troppa scelta”.
Settore M-PSI/01 - Psicologia Generale
Cardaci, M. (2012). Variabili situazionali e psicologiche nell’eccesso di scelta. In A.I. Luca Tateo (a cura di), Decisa–mente. Teorie, processi e contesti di decision making (pp. 23-28). Roma : Aracne editrice.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/70266
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact