Il commento degli artt. 506 e 507 c.p.p. tiene conto del dibattito in tema di poteri istruttori del giudice e dei più recenti interventi delle sezioni unite della Cassazionew e della Corte costituzionale. L'idea di fondo sottolinea il ruolo suppletivo del giudice come dato nevralgico rispetto all'accertamento, con l'avvertenza, tuttavia, che esso non dovrebbe mai realizzare forme di totale supplenza dell'inerzia delle parti.

Maggio, P. (2012). Commento agli artt. 506- 507. In G. Canzio - G. Tranchina (a cura di), Codice di procedura penale (pp. 4646-4677). Milano : Giuffrè.

Commento agli artt. 506- 507

MAGGIO, Paola
2012

Abstract

Il commento degli artt. 506 e 507 c.p.p. tiene conto del dibattito in tema di poteri istruttori del giudice e dei più recenti interventi delle sezioni unite della Cassazionew e della Corte costituzionale. L'idea di fondo sottolinea il ruolo suppletivo del giudice come dato nevralgico rispetto all'accertamento, con l'avvertenza, tuttavia, che esso non dovrebbe mai realizzare forme di totale supplenza dell'inerzia delle parti.
Maggio, P. (2012). Commento agli artt. 506- 507. In G. Canzio - G. Tranchina (a cura di), Codice di procedura penale (pp. 4646-4677). Milano : Giuffrè.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Codice commentato Tranchina 2012.pdf

Solo gestori archvio

Dimensione 386.95 kB
Formato Adobe PDF
386.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/70108
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact