Tra il progetto iniziale dello ZEN 2 e la sua realizzazione sono state tali le modifiche, che ne hanno di fatto tradito le intenzioni, per arrivare ad un intervento di poco valore architettonico e di scarsa qualità urbana. E’ stata superata la sua carica veramente moderna, aprendo ulteriormente le porte a quello che sarebbe poi diventato un quartiere simbolo del degrado urbano e sociale. Tra le tante diversità, l’elemento di maggiore criticità è l’incompiutezza del progetto del gruppo di Gregotti, senza la costruzione di tutte le insule e senza la realizzazione di quasi tutti gli edifici per attrezzature e servizi previsti. Un insediamento frammentato e non uniformemente compatto, degradato ed emarginato,ma soprattutto un quartiere senza servizi per i residenti è quello che oggi caratterizza il paesaggio palermitano della Piana dei Colli. Un modo di cominciare a recuperare lo ZEN 2 è allora quello di completarne le parti mancanti. Un’idea potrebbe essere quella d’inserire proprio quel tassello che manca nell’insula 3A, perché ne segna meglio il limite e, attraverso un progetto di recupero anche per l’area ad ovest, si può realizzare una connessione indispensabile con lo ZEN 1. Il poliambulatorio è un utilissimo servizio il cui progetto darebbe al quartiere un notevole contributo alla pressante necessità di una riqualificazione urbana di tutto il quartiere San Filippo Neri. Il progetto qui proposto ed elaborato come tesi di laurea affronta questo tema, non pensando però ad un semplice completamento, con la riproposizione di quanto non realizzato del progetto originario. Si è fatto invece un esercizio di riscrittura, ritenendo non opportuno e storicamente inaccettabile il poter replicare ora un’architettura per varie ragioni non potutasi realizzare allora.

PELLITTERI, G. (2012). Un’ipotesi di riscrittura per il completamento dell’insula 3A. In G. Alaimo (a cura di), Lo ZEN 2 di Palermo: un laboratorio per il progetto e la gestione del recupero (pp. 103-115). Roma : ARACNE editrice S.r.l..

Un’ipotesi di riscrittura per il completamento dell’insula 3A

PELLITTERI, Giuseppe
2012-01-01

Abstract

Tra il progetto iniziale dello ZEN 2 e la sua realizzazione sono state tali le modifiche, che ne hanno di fatto tradito le intenzioni, per arrivare ad un intervento di poco valore architettonico e di scarsa qualità urbana. E’ stata superata la sua carica veramente moderna, aprendo ulteriormente le porte a quello che sarebbe poi diventato un quartiere simbolo del degrado urbano e sociale. Tra le tante diversità, l’elemento di maggiore criticità è l’incompiutezza del progetto del gruppo di Gregotti, senza la costruzione di tutte le insule e senza la realizzazione di quasi tutti gli edifici per attrezzature e servizi previsti. Un insediamento frammentato e non uniformemente compatto, degradato ed emarginato,ma soprattutto un quartiere senza servizi per i residenti è quello che oggi caratterizza il paesaggio palermitano della Piana dei Colli. Un modo di cominciare a recuperare lo ZEN 2 è allora quello di completarne le parti mancanti. Un’idea potrebbe essere quella d’inserire proprio quel tassello che manca nell’insula 3A, perché ne segna meglio il limite e, attraverso un progetto di recupero anche per l’area ad ovest, si può realizzare una connessione indispensabile con lo ZEN 1. Il poliambulatorio è un utilissimo servizio il cui progetto darebbe al quartiere un notevole contributo alla pressante necessità di una riqualificazione urbana di tutto il quartiere San Filippo Neri. Il progetto qui proposto ed elaborato come tesi di laurea affronta questo tema, non pensando però ad un semplice completamento, con la riproposizione di quanto non realizzato del progetto originario. Si è fatto invece un esercizio di riscrittura, ritenendo non opportuno e storicamente inaccettabile il poter replicare ora un’architettura per varie ragioni non potutasi realizzare allora.
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
www.aracneeditrice.it
PELLITTERI, G. (2012). Un’ipotesi di riscrittura per il completamento dell’insula 3A. In G. Alaimo (a cura di), Lo ZEN 2 di Palermo: un laboratorio per il progetto e la gestione del recupero (pp. 103-115). Roma : ARACNE editrice S.r.l..
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ZEN2_Pellitteri_3A.pdf

accesso aperto

Descrizione: Capitolo saggio
Dimensione 1.23 MB
Formato Adobe PDF
1.23 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/69943
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact