Contemplazione dell’altro. La parola come sguardo estetico.