IL CONCORSO ESTERNO COME ISTITUTO "POLIMOGENO"