Il testo, esito della ricerca finanziata dall'Ateneo di Palermo, ha mirato a precisare e circostanziare le modalità con cui si modificò la produzione di mobilia artistica a Palermo a cavallo dell'abolizione delle maestranze, e segnatamente di quella dei falegnami. Essa è dunque il prosieguo dello studio intrapreso in precedenza sulla fondazione e organizzazione della maestranza citata. Qui si è cercato di mettere in evidenza come le singole specializzazioni, allora individuate, potessero evolversi rispetto alle rinnovate esigenze della committenza e conseguentemente di quelle commerciali. Si è verificata così la persistenza della precisa permanenza della specialità nei primi decenni dell'800 con un ruolo preminente per coloro che si erano formati come “scrittoriari” e per gli intagliatori. L'avanzare del nuovo gusto Impero con l'uso del mogano prende corpo anche a Palermo così come la formazione delle prime botteghe-negozi di arredi. Lo studio ha provato anche ad individuare un numero consistente di mobilieri i cui nomi erano stati per la maggior parte del tutto dimenticati attraverso la consultazione e il confronto di fonti originali e la ricerca d'archivio. Dunque le direttrici del testo hanno messo in luce nomi, inediti disegni progettuali per mobili della prima metà dell'800, e le linee produttive di tendenza in un campo che ad oggi in Sicilia è ancora poco esplorato.

Palazzotto, P. (2012). Arredi artistici e mobilieri. Una rassegna come contributo allo studio dell'abitare a Palermo tra la fine del XVIII e la prima metà del XIX secolo. In M.C. Di Natale, P. Palazzotto (a cura di), Abitare l'Arte in Sicilia. Esperienze in Età Moderna e Contemporanea (pp. 61-82). Palermo : Salvatore Fausto Flaccovio editore.

Arredi artistici e mobilieri. Una rassegna come contributo allo studio dell'abitare a Palermo tra la fine del XVIII e la prima metà del XIX secolo

PALAZZOTTO, Pierfrancesco
2012-01-01

Abstract

Il testo, esito della ricerca finanziata dall'Ateneo di Palermo, ha mirato a precisare e circostanziare le modalità con cui si modificò la produzione di mobilia artistica a Palermo a cavallo dell'abolizione delle maestranze, e segnatamente di quella dei falegnami. Essa è dunque il prosieguo dello studio intrapreso in precedenza sulla fondazione e organizzazione della maestranza citata. Qui si è cercato di mettere in evidenza come le singole specializzazioni, allora individuate, potessero evolversi rispetto alle rinnovate esigenze della committenza e conseguentemente di quelle commerciali. Si è verificata così la persistenza della precisa permanenza della specialità nei primi decenni dell'800 con un ruolo preminente per coloro che si erano formati come “scrittoriari” e per gli intagliatori. L'avanzare del nuovo gusto Impero con l'uso del mogano prende corpo anche a Palermo così come la formazione delle prime botteghe-negozi di arredi. Lo studio ha provato anche ad individuare un numero consistente di mobilieri i cui nomi erano stati per la maggior parte del tutto dimenticati attraverso la consultazione e il confronto di fonti originali e la ricerca d'archivio. Dunque le direttrici del testo hanno messo in luce nomi, inediti disegni progettuali per mobili della prima metà dell'800, e le linee produttive di tendenza in un campo che ad oggi in Sicilia è ancora poco esplorato.
Settore L-ART/04 - Museologia E Critica Artistica E Del Restauro
Settore L-ART/02 - Storia Dell'Arte Moderna
Palazzotto, P. (2012). Arredi artistici e mobilieri. Una rassegna come contributo allo studio dell'abitare a Palermo tra la fine del XVIII e la prima metà del XIX secolo. In M.C. Di Natale, P. Palazzotto (a cura di), Abitare l'Arte in Sicilia. Esperienze in Età Moderna e Contemporanea (pp. 61-82). Palermo : Salvatore Fausto Flaccovio editore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
abitare_larte_Palazzotto_pdf-libre-2.pdf

accesso aperto

Dimensione 2.8 MB
Formato Adobe PDF
2.8 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/65023
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact