Auschwitz e il Blocco 21. Contemporaneità intempestiva e rappresentazione interdetta