Fink e la filosofia come rimemorazione di sé