Pensare con le mani:il modello storiografico di Jean-Luc Godard in dialogo con la fenomenologia della percezione di Merleau-Ponty