Noterella sulla "trascrizione" seferiana del Cantico dei Cantici