L’articolo esplora in che modo l’arte, intesa come pratica, possa rappresentare un approccio metodologico di interesse nell’ambito della ricerca urbana, per un’espansione del campo disciplinare e una riconfigurazione dell’urbano. Nell’attitudine all’attraversamento dei margini disciplinari, si riconosce nella pratica artistica uno strumento epistemologico decolonizzante le strutture razionali cartesiane e una prassi trasformativa abilitante. A partire da queste premesse, si farà riferimento al ruolo agito da pratiche e progettualità culturali in altri ‘margini’ – i centri minori in via di spopolamento e abbandono, i territori interni – per capire come la prassi dell’arte agisce per decostruire e ricostruire nuovi o altri immaginari territoriali.

Crobe, S. (2024). La centralità dell’immaginario artistico nel costruire e decostruire l’immaginario territoriale. Le aree interne come campo di sperimentazione creativa e immaginazione collettiva. TRACCE URBANE, 11(15), 412-426.

La centralità dell’immaginario artistico nel costruire e decostruire l’immaginario territoriale. Le aree interne come campo di sperimentazione creativa e immaginazione collettiva

crobe, stefania
2024-01-01

Abstract

L’articolo esplora in che modo l’arte, intesa come pratica, possa rappresentare un approccio metodologico di interesse nell’ambito della ricerca urbana, per un’espansione del campo disciplinare e una riconfigurazione dell’urbano. Nell’attitudine all’attraversamento dei margini disciplinari, si riconosce nella pratica artistica uno strumento epistemologico decolonizzante le strutture razionali cartesiane e una prassi trasformativa abilitante. A partire da queste premesse, si farà riferimento al ruolo agito da pratiche e progettualità culturali in altri ‘margini’ – i centri minori in via di spopolamento e abbandono, i territori interni – per capire come la prassi dell’arte agisce per decostruire e ricostruire nuovi o altri immaginari territoriali.
2024
Settore ICAR/21 - Urbanistica
Crobe, S. (2024). La centralità dell’immaginario artistico nel costruire e decostruire l’immaginario territoriale. Le aree interne come campo di sperimentazione creativa e immaginazione collettiva. TRACCE URBANE, 11(15), 412-426.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
TU15 Crobe-2.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 3.24 MB
Formato Adobe PDF
3.24 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/643674
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact