La Cassazione nega l’impugnazione del provvedimento di rigetto delle istanze di accesso ai programmi riparativi escludendo la natura giurisdizionale del procedimento ex art. 129-bis c.p.p. e guardando alla GR quale «servizio pubblico di cura relazionale tra persone, disciplinato da regole non mutuabili da quelle del processo penale, che talora risultano incompatibili con queste ultime». Una soluzione giurisprudenziale che, nel limitare la sindacabilità del provvedimento (anche a ragione della reiterabilità dell’istanza di accesso), rischia di marginalizzare la restorative justice. Di contro, in questa primissima fase applicativa, l’ermeneutica della complementarietà funzionale fra i modelli impone di mettere in risalto la multiformità di atti e provvedimenti “a tema riparativo ”disegnati dal d.lgs. n. 150 del 2022, le conseguenze dell’incorporazione del rigetto in un atto avente natura processuale, le ripercussioni della sindacabilità sulla discrezionalità dell’invio, i contenuti centrali del “favor reparationis”.

Paola Maggio e Valentina Bonini (2024). L’IMPUGNAZIONE DEI PROVVEDIMENTI A CARATURA RIPARATIVA: EQUILIBRI E SQUILIBRI TRA SISTEMI. SISTEMA PENALE, 5(5), 1-29.

L’IMPUGNAZIONE DEI PROVVEDIMENTI A CARATURA RIPARATIVA: EQUILIBRI E SQUILIBRI TRA SISTEMI

Paola Maggio
2024-05-07

Abstract

La Cassazione nega l’impugnazione del provvedimento di rigetto delle istanze di accesso ai programmi riparativi escludendo la natura giurisdizionale del procedimento ex art. 129-bis c.p.p. e guardando alla GR quale «servizio pubblico di cura relazionale tra persone, disciplinato da regole non mutuabili da quelle del processo penale, che talora risultano incompatibili con queste ultime». Una soluzione giurisprudenziale che, nel limitare la sindacabilità del provvedimento (anche a ragione della reiterabilità dell’istanza di accesso), rischia di marginalizzare la restorative justice. Di contro, in questa primissima fase applicativa, l’ermeneutica della complementarietà funzionale fra i modelli impone di mettere in risalto la multiformità di atti e provvedimenti “a tema riparativo ”disegnati dal d.lgs. n. 150 del 2022, le conseguenze dell’incorporazione del rigetto in un atto avente natura processuale, le ripercussioni della sindacabilità sulla discrezionalità dell’invio, i contenuti centrali del “favor reparationis”.
7-mag-2024
Settore IUS/16 - Diritto Processuale Penale
Paola Maggio e Valentina Bonini (2024). L’IMPUGNAZIONE DEI PROVVEDIMENTI A CARATURA RIPARATIVA: EQUILIBRI E SQUILIBRI TRA SISTEMI. SISTEMA PENALE, 5(5), 1-29.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1714817477_bonini-maggio-fasc-52024.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 942.49 kB
Formato Adobe PDF
942.49 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/640793
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact