La città è traccia architettonico-morfologica della storia che la produce. In pochi paesi l’urbe ha tracciata in sé, così chiaramente, l’evoluzione di questa storia, come in Portogallo, fra i più antichi per unità nazionale. L’articolo propone un percorso attraverso la formazione identitaria portoghese, dalla crescita economica, fasi coloniali, sino alla decadenza dell’economia marittima. Economia, questa, che anche attraverso l’urbe, come luogo privilegiato di sviluppo, decreta il vero inizio della globalizzazione planetaria. L’excursus storico si conclude con la crisi identitaria di fine Ottocento, per tracciare quello che è il profilo dell’immaginario nazionale portoghese, soprattutto contemporaneo, post-”Rivoluzione dei Garofani”. L’intento è di arrivare, attraverso gli elementi storici, alla comprensione di quella che definiamo una Territorialità politica. Un’idea di Sé-Nazione che si colloca “dentro” e “fuori” dai territori, “attraverso” il tempo, definito qui “temps-signifié”. Prassi analitico/metodologica fondamentale per individuare un sé-collettivo che (de)struttura, attraverso il tempo, i suoi territori, spiegando molte delle contraddizioni e caratteri della città lusa.

Carboni Maestri, G. (2010). Dalla “Sé-cattedrale” al “Sé-Nazione”. Sull’architettura della città e del territorio lusitano: chiavi di lettura storico-antropologiche. In B. Pelucca (a cura di), Viaggio in Portogallo, Dentro e Fuori i Territori dell'Architettura (pp. 15-21). Roma : Aracne.

Dalla “Sé-cattedrale” al “Sé-Nazione”. Sull’architettura della città e del territorio lusitano: chiavi di lettura storico-antropologiche

CARBONI MAESTRI, Gregorio
2010-01-01

Abstract

La città è traccia architettonico-morfologica della storia che la produce. In pochi paesi l’urbe ha tracciata in sé, così chiaramente, l’evoluzione di questa storia, come in Portogallo, fra i più antichi per unità nazionale. L’articolo propone un percorso attraverso la formazione identitaria portoghese, dalla crescita economica, fasi coloniali, sino alla decadenza dell’economia marittima. Economia, questa, che anche attraverso l’urbe, come luogo privilegiato di sviluppo, decreta il vero inizio della globalizzazione planetaria. L’excursus storico si conclude con la crisi identitaria di fine Ottocento, per tracciare quello che è il profilo dell’immaginario nazionale portoghese, soprattutto contemporaneo, post-”Rivoluzione dei Garofani”. L’intento è di arrivare, attraverso gli elementi storici, alla comprensione di quella che definiamo una Territorialità politica. Un’idea di Sé-Nazione che si colloca “dentro” e “fuori” dai territori, “attraverso” il tempo, definito qui “temps-signifié”. Prassi analitico/metodologica fondamentale per individuare un sé-collettivo che (de)struttura, attraverso il tempo, i suoi territori, spiegando molte delle contraddizioni e caratteri della città lusa.
Settore ICAR/18 - Storia Dell'Architettura
Settore ICAR/10 - Architettura Tecnica
Settore M-GGR/01 - Geografia
Settore M-GGR/02 - Geografia Economico-Politica
Settore SPS/01 - Filosofia Politica
Carboni Maestri, G. (2010). Dalla “Sé-cattedrale” al “Sé-Nazione”. Sull’architettura della città e del territorio lusitano: chiavi di lettura storico-antropologiche. In B. Pelucca (a cura di), Viaggio in Portogallo, Dentro e Fuori i Territori dell'Architettura (pp. 15-21). Roma : Aracne.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Carboni_gcm1.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo integrale
Dimensione 2.21 MB
Formato Adobe PDF
2.21 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/64057
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact