Negli anni ferventi di ricerca della felicità e di costruzione di una nuova società, che segnano la metà del Novecento, su un’area prativa fuori Cortina d’Ampezzo nasce una struttura ricettiva poco consueta, l’Albergo La Meridiana. L’originalità è costituita dalla committenza declinata al femminile, dal target su cui si intendeva puntare – l’infanzia, dai 3 ai 14 anni – e soprattutto dalla proposta di una casa a misura dei piccoli ospiti sul modello montessoriano, anziché di una più comune colonia di stampo tradizionale. L’organismo architettonico, affidato a Edoardo Gellner, che se ne occuperà sotto ogni aspetto progettuale, rappresenta non solo una delle prime opere mature dell’architetto ma anche un vero e proprio laboratorio progettuale delle teorie sull’ambien- te di cui la pedagogista Maria Montessori aveva scritto a partire dai primi anni del Novecento. L’albergo, inoltre, è un importante luogo di sperimentazione sugli interni che in anni subito suc- cessivi porterà alla declinazione – in chiave aziendale – della vacanza dei piccoli, rappresentata dalla Colonia del Villaggio Eni a Borca di Cadore. In dimensioni minori, infatti, il Meridiana anticipa forme architettoniche, spazi e materiali degli interni e metodi costruttivi, contribuendo a modifi- care irreversibilmente l’approccio sociale e pedagogico all’architettura della colonia.

Cattiodoro, S. (2024). Oltre la colonia, prima di Mattei. L'Albergo La Meridiana di Edoardo Gellner e il Metodo Montessori. IN BO, 15(19), 60-77 [10.6092/issn.2036-1602/16266].

Oltre la colonia, prima di Mattei. L'Albergo La Meridiana di Edoardo Gellner e il Metodo Montessori

Cattiodoro, Silvia
2024-05-01

Abstract

Negli anni ferventi di ricerca della felicità e di costruzione di una nuova società, che segnano la metà del Novecento, su un’area prativa fuori Cortina d’Ampezzo nasce una struttura ricettiva poco consueta, l’Albergo La Meridiana. L’originalità è costituita dalla committenza declinata al femminile, dal target su cui si intendeva puntare – l’infanzia, dai 3 ai 14 anni – e soprattutto dalla proposta di una casa a misura dei piccoli ospiti sul modello montessoriano, anziché di una più comune colonia di stampo tradizionale. L’organismo architettonico, affidato a Edoardo Gellner, che se ne occuperà sotto ogni aspetto progettuale, rappresenta non solo una delle prime opere mature dell’architetto ma anche un vero e proprio laboratorio progettuale delle teorie sull’ambien- te di cui la pedagogista Maria Montessori aveva scritto a partire dai primi anni del Novecento. L’albergo, inoltre, è un importante luogo di sperimentazione sugli interni che in anni subito suc- cessivi porterà alla declinazione – in chiave aziendale – della vacanza dei piccoli, rappresentata dalla Colonia del Villaggio Eni a Borca di Cadore. In dimensioni minori, infatti, il Meridiana anticipa forme architettoniche, spazi e materiali degli interni e metodi costruttivi, contribuendo a modifi- care irreversibilmente l’approccio sociale e pedagogico all’architettura della colonia.
mag-2024
Settore ICAR/16 - Architettura Degli Interni E Allestimento
Cattiodoro, S. (2024). Oltre la colonia, prima di Mattei. L'Albergo La Meridiana di Edoardo Gellner e il Metodo Montessori. IN BO, 15(19), 60-77 [10.6092/issn.2036-1602/16266].
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cattiodoro+finale.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.47 MB
Formato Adobe PDF
1.47 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/640435
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact