Sul gioco linguistico ovvero perché co-parliamo