Appunti su uno scritto poco noto di Agostino Gallo