Filologia per codici: il caso di G