Nel commentare la sentenza della Corte costituzionale del 18 ottobre n. 209 del 2010, si evidenziano i nodi problematici relativi all'intrecciarsi di competenze statali e regionali in materia di diritti prestazionali agli stranieri (su cui la sentenza fa permanere zone d'ombra) e si sottolineano alcuni apprezzabili passaggi della sentenza in commento che valorizzano la centralità della persona a dispettto della posizione del soggetto rispetto alle norme che regolano l'ingresso e il soggiorno in un territorio diverso da quello di appartenenza.

Sciortino, A. (2011). Volevamo braccia, sono arrivati uomini. NUOVE AUTONOMIE, 3/2010(3/2010), 763-770.

Volevamo braccia, sono arrivati uomini.

SCIORTINO, Antonella
2011-01-01

Abstract

Nel commentare la sentenza della Corte costituzionale del 18 ottobre n. 209 del 2010, si evidenziano i nodi problematici relativi all'intrecciarsi di competenze statali e regionali in materia di diritti prestazionali agli stranieri (su cui la sentenza fa permanere zone d'ombra) e si sottolineano alcuni apprezzabili passaggi della sentenza in commento che valorizzano la centralità della persona a dispettto della posizione del soggetto rispetto alle norme che regolano l'ingresso e il soggiorno in un territorio diverso da quello di appartenenza.
2011
Settore IUS/08 - Diritto Costituzionale
Sciortino, A. (2011). Volevamo braccia, sono arrivati uomini. NUOVE AUTONOMIE, 3/2010(3/2010), 763-770.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/61593
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact