Il divieto di "caccia all’errore" nelle gare, previsto dall’art. 46, comma 1 bis, del codice degli appalti.