La proprietà europea tra controriforma e "rivoluzione passiva"