Ancora sulle "Risorgenze dialettali". Palermo e il suo repertorio fra continuità ed innovazione