L’«io che vive a partire dalla sua anima». Sulla filosofia dell’Einfühlung di Edith Stein