Nonostante la cultura occidentale abbia sempre inteso la separazione tra mondo epigeo e mondo ipogeo come il confine tra due dimensioni contrapposte, l’evoluzione dell’uomo è anche caratterizzata proprio dai modi attraverso i quali le attività antropiche hanno trasformato l’ambiente mettendo in relazione questi due mondi per rispondere ad esigenze anche molto diverse: dalla semplice funzione abitativa ai luoghi di culto (sepolture e santuari), dall’approvvigionamento di risorse (acqua e materiali) alle opere infrastrutturali per il transito ed il trasporto, dalle opere militari e belliche a quelle difensive in generale. Certamente, il patrimonio ipogeo “nascosto” è quello che possiamo considerare più a rischio; infatti, se da sempre la tutela del patrimonio architettonico “visibile” è promossa da un’opinione pubblica che percepisce nel degrado materiale dei manufatti il rischio di una perdita irrimediabile, al contrario, la salvaguardia di tutto ciò che è occultato alla vista risulta spesso di più difficile attuazione. È il caso dell’esteso “Patrimonio Cavo” funzionale all’approvvigionamento idrico presente nella Piana di Palermo, i qanat, che costituivano le “radici” vitali di molti dei più importanti edifici e dei loro sistemi di giardini riferibili alla cultura araba e a quella normanna.

Vinci, C. (2022). Architettura per l’acqua nella cultura arabo-normanna.. In R. Cabecera Soriano (a cura di), Sicilia y Extremadura: un patrimonio posible. (pp. 147-173). Cáceres : UNIVERSIDAD DE EXTREMADURA - Grupo de Investigación de Construcciones Arquitectónicas.

Architettura per l’acqua nella cultura arabo-normanna.

Vinci, Calogero
2022-01-01

Abstract

Nonostante la cultura occidentale abbia sempre inteso la separazione tra mondo epigeo e mondo ipogeo come il confine tra due dimensioni contrapposte, l’evoluzione dell’uomo è anche caratterizzata proprio dai modi attraverso i quali le attività antropiche hanno trasformato l’ambiente mettendo in relazione questi due mondi per rispondere ad esigenze anche molto diverse: dalla semplice funzione abitativa ai luoghi di culto (sepolture e santuari), dall’approvvigionamento di risorse (acqua e materiali) alle opere infrastrutturali per il transito ed il trasporto, dalle opere militari e belliche a quelle difensive in generale. Certamente, il patrimonio ipogeo “nascosto” è quello che possiamo considerare più a rischio; infatti, se da sempre la tutela del patrimonio architettonico “visibile” è promossa da un’opinione pubblica che percepisce nel degrado materiale dei manufatti il rischio di una perdita irrimediabile, al contrario, la salvaguardia di tutto ciò che è occultato alla vista risulta spesso di più difficile attuazione. È il caso dell’esteso “Patrimonio Cavo” funzionale all’approvvigionamento idrico presente nella Piana di Palermo, i qanat, che costituivano le “radici” vitali di molti dei più importanti edifici e dei loro sistemi di giardini riferibili alla cultura araba e a quella normanna.
Arquitectura para el agua en la cultura árabe-normanda.
Settore ICAR/10 - Architettura Tecnica
Vinci, C. (2022). Architettura per l’acqua nella cultura arabo-normanna.. In R. Cabecera Soriano (a cura di), Sicilia y Extremadura: un patrimonio posible. (pp. 147-173). Cáceres : UNIVERSIDAD DE EXTREMADURA - Grupo de Investigación de Construcciones Arquitectónicas.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
VINCI - Sicilia y Extremadura un patrimonio posible_compressed.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.33 MB
Formato Adobe PDF
1.33 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/579371
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact