De Kerckhove tells us that we live in the era of the "soft tyranny" of "datacracy", in the era of digital surveillance capitalism, in the era of deep fakes and the arrogance of algorithms, imprisoned, as we are, inside filtering bubbles and echo chambers. An information ecosystem that goes through a chaotic phase and forces us to search for a new balance between technology and humanity. In order to manage this complexity more competently and with a greater ethical awareness, it is necessary to act on the education of future generations. A fundamental challenge that, overcoming the aberrations of technical utopia, accompanies us towards a new anthropological dimension of technology. A "digital humanism" guided by a robust "anthropo-ethical" handrail, able to filter the complex interactions of man with technology, profitably combining practical knowledge of digital tools with the complexity of the communities in which these tools are adopted. Starting from these considerations, the contribution tells and briefly reflects on some research and teaching experiences gained at the University of Palermo around the project Fake News. Such experiences, in a very wide multidisciplinary context (design, journalism, communication sciences, social sciences, computer science, etc.) represent the occasion of a deeper knowledge and awareness for the whole community involved in the project. A first step of scientific and social "innova(c)tion" in direction of a more adequate education of future generations and the new ruling class

De Kerckhove ci segnala che viviamo al tempo della "tirannia morbida" della “datacrazia”, del capitalismo della sorveglianza digitale, dei deep fake e della prepotenza degli algoritmi, imprigionati, come siamo, dentro bolle di filtraggio e camere dell’eco. Un ecosistema dell’informazione che attraversa una fase caotica e ci impone la ricerca di un nuovo equilibrio tra tecnologia e uomo. Per governare con più competenza e maggiore coscienza etica tale complessità, occorre agire sulla formazione delle generazioni future. Una sfida fondamentale che, superando le aberrazioni dell’utopia tecnicistica, ci accompagni verso una nuova dimensione antropologica della tecnologia. Un “umanesimo digitale” guidato da un robusto corrimano “antropo-etico”, capace di filtrare le complesse interazioni dell’uomo con la tecnologia, mettendo insieme proficuamente la conoscenza pratica degli strumenti digitali con la complessità delle comunità in cui tali strumenti sono adottati. A partire da queste considerazioni, il contributo racconta e riflette brevemente su alcune esperienze di ricerca e didattica maturate all’interno dell’Università di Palermo attorno al progetto Fake News. Esperienze che, in un contesto multidisciplinare molto ampio (design, giornalismo, scienze della comunicazione, scienze sociali, informatica, etc) sono diventate l’occasione per una profonda azione di conoscenza (…e di coscienza) specifica, personale e collettiva, di tutta la comunità coinvolta nel progetto. Un primo momento di “innova-azione” scientifica e sociale in direzione di una più adeguata formazione delle future generazioni e della nuova classe dirigente

Monterosso, F. (2022). Algoritmi, Informazione, Formazione. Riflessioni, esperienze di ricerca e didattica attorno al progetto Fake News. In S. Del Puglia (a cura di), Fake News. Progetto di un algoritmo contro le false verità (pp. 41-51). Palermo : Caracol edizioni.

Algoritmi, Informazione, Formazione. Riflessioni, esperienze di ricerca e didattica attorno al progetto Fake News

Monterosso, Francesco
2022-07-01

Abstract

De Kerckhove ci segnala che viviamo al tempo della "tirannia morbida" della “datacrazia”, del capitalismo della sorveglianza digitale, dei deep fake e della prepotenza degli algoritmi, imprigionati, come siamo, dentro bolle di filtraggio e camere dell’eco. Un ecosistema dell’informazione che attraversa una fase caotica e ci impone la ricerca di un nuovo equilibrio tra tecnologia e uomo. Per governare con più competenza e maggiore coscienza etica tale complessità, occorre agire sulla formazione delle generazioni future. Una sfida fondamentale che, superando le aberrazioni dell’utopia tecnicistica, ci accompagni verso una nuova dimensione antropologica della tecnologia. Un “umanesimo digitale” guidato da un robusto corrimano “antropo-etico”, capace di filtrare le complesse interazioni dell’uomo con la tecnologia, mettendo insieme proficuamente la conoscenza pratica degli strumenti digitali con la complessità delle comunità in cui tali strumenti sono adottati. A partire da queste considerazioni, il contributo racconta e riflette brevemente su alcune esperienze di ricerca e didattica maturate all’interno dell’Università di Palermo attorno al progetto Fake News. Esperienze che, in un contesto multidisciplinare molto ampio (design, giornalismo, scienze della comunicazione, scienze sociali, informatica, etc) sono diventate l’occasione per una profonda azione di conoscenza (…e di coscienza) specifica, personale e collettiva, di tutta la comunità coinvolta nel progetto. Un primo momento di “innova-azione” scientifica e sociale in direzione di una più adeguata formazione delle future generazioni e della nuova classe dirigente
Settore ICAR/13 - Disegno Industriale
https://www.edizionicaracol.it/
Monterosso, F. (2022). Algoritmi, Informazione, Formazione. Riflessioni, esperienze di ricerca e didattica attorno al progetto Fake News. In S. Del Puglia (a cura di), Fake News. Progetto di un algoritmo contro le false verità (pp. 41-51). Palermo : Caracol edizioni.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Monterosso_F_Fake_News_Caracol.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Algoritmi, Informazione, Formazione Riflessioni, esperienze di ricerca e didattica attorno al progetto Fake News
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 2.09 MB
Formato Adobe PDF
2.09 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/578277
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact