La pianificazione strategica in molte delle pratiche attuali, soprattutto nel Mezzogiorno, ha assunto forme manieriste e rituali piuttosto che continuare a sperimentare e declinare nei contesti locali i suoi aspetti innovativi, propulsivi, selettivi e negoziali. Ha innalzato agli altari un proceduralismo che rasenta il velleitarismo, una partecipazione che annega nella demagogia, un allontanamento dell’orizzonte temporale che nasconde il rifiuto della responsabilità. In questo processo di mutazione della pianificazione strategica verso il dogma si sono persi anche la carica volontaristica e l’orizzonte ambizioso dei soggetti pubblici e privati, che addirittura costruivano insieme il tavolo a cui sedere per negoziare gli obiettivi e forgiavano gli strumenti necessari alle azioni di sviluppo. Oggi si preferisce, invece, aderire acriticamente alle opportunità offerte dal finanziamento europeo, statale o regionale per la redazione dei piani strategici, nonché della disponibilità dei fondi strutturali per la loro attuazione, parziale, di corto orizzonte, molto conformista e poco dinamica, sempre più spesso smaterializzata. Naturalmente le patologie riscontrabili nei piani strategici del Mezzogiorno non possono e non devono nascondere la forza moltiplicatrice del metodo e del processo, a patto che se ne conservi la ragione generatrice, la filosofia procedurale e, soprattutto, la finalità territoriale e la dimensione spaziale.

Carta, M. (2010). Piani strategici 2.0 per un Mezzogiorno propulsivo. In I. Vinci (a cura di), Pianificazione strategica in contesti fragili (pp. 133-142). Firenze : Alinea.

Piani strategici 2.0 per un Mezzogiorno propulsivo

CARTA, Maurizio
2010

Abstract

La pianificazione strategica in molte delle pratiche attuali, soprattutto nel Mezzogiorno, ha assunto forme manieriste e rituali piuttosto che continuare a sperimentare e declinare nei contesti locali i suoi aspetti innovativi, propulsivi, selettivi e negoziali. Ha innalzato agli altari un proceduralismo che rasenta il velleitarismo, una partecipazione che annega nella demagogia, un allontanamento dell’orizzonte temporale che nasconde il rifiuto della responsabilità. In questo processo di mutazione della pianificazione strategica verso il dogma si sono persi anche la carica volontaristica e l’orizzonte ambizioso dei soggetti pubblici e privati, che addirittura costruivano insieme il tavolo a cui sedere per negoziare gli obiettivi e forgiavano gli strumenti necessari alle azioni di sviluppo. Oggi si preferisce, invece, aderire acriticamente alle opportunità offerte dal finanziamento europeo, statale o regionale per la redazione dei piani strategici, nonché della disponibilità dei fondi strutturali per la loro attuazione, parziale, di corto orizzonte, molto conformista e poco dinamica, sempre più spesso smaterializzata. Naturalmente le patologie riscontrabili nei piani strategici del Mezzogiorno non possono e non devono nascondere la forza moltiplicatrice del metodo e del processo, a patto che se ne conservi la ragione generatrice, la filosofia procedurale e, soprattutto, la finalità territoriale e la dimensione spaziale.
Settore ICAR/21 - Urbanistica
Carta, M. (2010). Piani strategici 2.0 per un Mezzogiorno propulsivo. In I. Vinci (a cura di), Pianificazione strategica in contesti fragili (pp. 133-142). Firenze : Alinea.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
204 Piani strategici 2.0 (Alinea).pdf

non disponibili

Dimensione 471.98 kB
Formato Adobe PDF
471.98 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/57554
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact