In assonanza con un percorso tracciato da importanti figure quali Pierluigi Spadolini ed Eduardo Vittoria «che indicavano una precisa direzione culturale sulla concezione dell’habitat non limitata ai soli aspetti fisico-formali, ma già attenta alle determinazioni immateriali del progetto e orientata a un’idea di sostenibilità ambientale e socio-economica preludio degli attuali approcci della governance ambientale» (Schiaffonati et al., 2011), nelle principali ricerche sviluppate nella Sede di Palermo la Disciplina tecnologica è stata utilizzata come agente interpretativo dei processi coinvolti nella comprensione e valorizzazione della preesistenza in tutte le sue accezioni. Fra gli obiettivi ritenuti prioritari: incentivare la realizzazione di interventi di valorizzazione dei beni culturali; utilizzare la tecnologia come strumento metodologico qualificante della materia storica e del contesto ambientale in cui insiste; tutelare e valorizzare l’ambiente costruito e promuovere lo sviluppo sostenibile. Ciò nella convinzione che un tecnologo ha l’obbligo di esplorare i diversi ambiti della progettazione tecnologica, per cogliere l’immanenza e le peculiarità di ogni contesto e per governare le problematiche del costruito ad ogni scala. È su questi orientamenti che anche la Sede di Palermo nel corso degli anni, considerando via via il rinnovato quadro legislativo a livello comunitario e nazionale, attua un processo generativo di nuove linee di ricerca correlate a sempre più evoluti obiettivi ambientali, cogliendo l’eredità dalla cultura normativa prestazionale e declinandola nelle dimensioni multiscalari della governance di processi decisionali complessi.

Vitrano, R.M. (2022). Palermo. Progettazione ambientale e valore della preesistenza. In E. Attaianese, M. Lo Sasso (a cura di), La ricerca nella Progettazione ambientale Gli anni 1970-2008 (pp. 270-285). Santarcangelo di Romagna : Maggioli.

Palermo. Progettazione ambientale e valore della preesistenza

Vitrano, Rosa Maria
2022-01-01

Abstract

In assonanza con un percorso tracciato da importanti figure quali Pierluigi Spadolini ed Eduardo Vittoria «che indicavano una precisa direzione culturale sulla concezione dell’habitat non limitata ai soli aspetti fisico-formali, ma già attenta alle determinazioni immateriali del progetto e orientata a un’idea di sostenibilità ambientale e socio-economica preludio degli attuali approcci della governance ambientale» (Schiaffonati et al., 2011), nelle principali ricerche sviluppate nella Sede di Palermo la Disciplina tecnologica è stata utilizzata come agente interpretativo dei processi coinvolti nella comprensione e valorizzazione della preesistenza in tutte le sue accezioni. Fra gli obiettivi ritenuti prioritari: incentivare la realizzazione di interventi di valorizzazione dei beni culturali; utilizzare la tecnologia come strumento metodologico qualificante della materia storica e del contesto ambientale in cui insiste; tutelare e valorizzare l’ambiente costruito e promuovere lo sviluppo sostenibile. Ciò nella convinzione che un tecnologo ha l’obbligo di esplorare i diversi ambiti della progettazione tecnologica, per cogliere l’immanenza e le peculiarità di ogni contesto e per governare le problematiche del costruito ad ogni scala. È su questi orientamenti che anche la Sede di Palermo nel corso degli anni, considerando via via il rinnovato quadro legislativo a livello comunitario e nazionale, attua un processo generativo di nuove linee di ricerca correlate a sempre più evoluti obiettivi ambientali, cogliendo l’eredità dalla cultura normativa prestazionale e declinandola nelle dimensioni multiscalari della governance di processi decisionali complessi.
Settore ICAR/12 - Tecnologia Dell'Architettura
www.maggiolieditore.it
Vitrano, R.M. (2022). Palermo. Progettazione ambientale e valore della preesistenza. In E. Attaianese, M. Lo Sasso (a cura di), La ricerca nella Progettazione ambientale Gli anni 1970-2008 (pp. 270-285). Santarcangelo di Romagna : Maggioli.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
VOLUME CLUSTER PA _Attaianese_Lo Sasso - ESTRATTO RM_VITRANO.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 3.52 MB
Formato Adobe PDF
3.52 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/574505
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact