Il sistema dualistico introdotto in Italia dal D.Lgs. 17/01/2003, n. 6 con il dichiarato intento di dotare le società per azioni di maggiori dimensioni di un modello organizzativo atto a realizzare la “dissociazione tra proprietà (dei soci) e potere (degli organi sociali)” pone l’interprete di fronte a rilevanti problemi ermeneutici, che presumibilmente hanno contribuito allo scarso successo applicativo dell’istituto. La profonda incertezza nella ricostruzione della sua disciplina deriva da una tecnica legislativa incerta e lacunosa, che ha posto in posizione di primazia il sistema tradizionale, ricalcando su quest’ultimo la regolamentazione dei sistemi alternativi attraverso molteplici e affastellati rinvii; inoltre, la significativa flessibilità che caratterizza il sistema dualistico “all’italiana” e l’allontanamento da alcune caratteristiche fondamentali del principale modello di riferimento (i.e. quello tedesco) hanno acuito le difficoltà interpretative e reso meno netti i profili differenziali rispetto agli altri modelli di governance. Nel presente lavoro si cercherà di fornire una ricostruzione della disciplina del sistema dualistico per quanto possibile organica e coerente, con l’auspicio che ciò possa contribuire a farne emergere i profili di potenziale efficienza.

Garilli, C. (2022). Il sistema dualistico. In V. Donativi (a cura di), Trattato delle società (pp. 2369-2499). Milano : Wolters Kluwer.

Il sistema dualistico

Garilli, C
2022-09-01

Abstract

Il sistema dualistico introdotto in Italia dal D.Lgs. 17/01/2003, n. 6 con il dichiarato intento di dotare le società per azioni di maggiori dimensioni di un modello organizzativo atto a realizzare la “dissociazione tra proprietà (dei soci) e potere (degli organi sociali)” pone l’interprete di fronte a rilevanti problemi ermeneutici, che presumibilmente hanno contribuito allo scarso successo applicativo dell’istituto. La profonda incertezza nella ricostruzione della sua disciplina deriva da una tecnica legislativa incerta e lacunosa, che ha posto in posizione di primazia il sistema tradizionale, ricalcando su quest’ultimo la regolamentazione dei sistemi alternativi attraverso molteplici e affastellati rinvii; inoltre, la significativa flessibilità che caratterizza il sistema dualistico “all’italiana” e l’allontanamento da alcune caratteristiche fondamentali del principale modello di riferimento (i.e. quello tedesco) hanno acuito le difficoltà interpretative e reso meno netti i profili differenziali rispetto agli altri modelli di governance. Nel presente lavoro si cercherà di fornire una ricostruzione della disciplina del sistema dualistico per quanto possibile organica e coerente, con l’auspicio che ciò possa contribuire a farne emergere i profili di potenziale efficienza.
Settore IUS/04 - Diritto Commerciale
Garilli, C. (2022). Il sistema dualistico. In V. Donativi (a cura di), Trattato delle società (pp. 2369-2499). Milano : Wolters Kluwer.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Estratto Garilli.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 2 MB
Formato Adobe PDF
2 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/574170
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact