The text by Santo Giunta reflect on the relationship between restoration and re-functionalization of a historic building, focusing attention on a work by Pasquale Culotta in Raccuja. It is published in a book, edited by Calogero Marzullo, which arises from the desire to reread some reflections on research and experimentation of different authors who interact with each other to try to define the value of the architectural project. In the case study in question, the project is not only the functional correspondence of recognizable elements between the structural and cultural proposals, but takes into account the forms of life contemporary, of an interacting and borderline sociality. The emotional quality of Culotta's design activity absorbs different gazes and multiple points of view that are able to integrate the social needs of people with the conditions of origin to which the historical artefact is to be brought back. It is a complex system of relationships that links these parts between meanings and differences in a systemic activity that aims to define parts with structuring solutions, through new services and recognizable areas. Among the structural and cultural proposals, the architect interprets the forms within the built structure through punctual grafting. The project must reconstruct its raison d'etre starting from the existing one, not ignoring a sensitivity towards craft techniques, applied in particular to spatial areas for cultural activities.

Il saggio di Santo Giunta riflettere sul rapporto tra restauro e rifunzionalizzazione di un edificio storico, focalizzando l’attenzione su un’opera di Pasquale Culotta a Raccuja (ME). Il saggio è pubblicato in un libro, curato da Calogero Marzullo, che nasce dalla volontà di rileggere alcune riflessioni su ricerche e sperimentazioni di diversi autori che dialogano tra loro per tentare di definire il valore del progetto di architettura. Nel caso di studio in esame il progetto non è solo la rispondenza funzionale di elementi riconoscibili tra le proposte strutturali e culturali, ma tiene conto delle forme della vita contemporanea, di una socialità interagente e di confine. La qualità emotiva di una attività progettuale di Pasquale Culotta assorbe sguardi diversi e punti di vista molteplici che sono in grado di integrare le esigenze sociali delle persone con le condizioni d’origine a cui si vuole riportare il manufatto storico. È un complesso sistema di rapporti che lega queste parti fra significati e differenze in un’attività sistemica che mira alla definizione di parti con soluzioni strutturanti, attraverso nuovi servizi e ambiti riconoscibili. L’architetto, tra le proposte strutturali e culturali, interpreta per innesti puntuali le forme dentro il costruito. Il progetto deve ricostruire la propria ragion d’essere a partire dall’esistente non ignorando una sensibilità nei confronti delle tecniche artigianali, applicate in particolare agli ambiti spaziali per le attività culturali.

Giunta, S. (2022). Dalla tessitura del presente alle reinvenzioni spaziali. Un caso di studio a Raccuja (Me). In C. Marzullo (a cura di), Un percorso del fare 5. Il rapporto tra città, paesaggi storici urbani e architettura (pp. 37-46). Geraci Siculo (PA) : Arianna.

Dalla tessitura del presente alle reinvenzioni spaziali. Un caso di studio a Raccuja (Me)

Giunta, Santo
2022

Abstract

Il saggio di Santo Giunta riflettere sul rapporto tra restauro e rifunzionalizzazione di un edificio storico, focalizzando l’attenzione su un’opera di Pasquale Culotta a Raccuja (ME). Il saggio è pubblicato in un libro, curato da Calogero Marzullo, che nasce dalla volontà di rileggere alcune riflessioni su ricerche e sperimentazioni di diversi autori che dialogano tra loro per tentare di definire il valore del progetto di architettura. Nel caso di studio in esame il progetto non è solo la rispondenza funzionale di elementi riconoscibili tra le proposte strutturali e culturali, ma tiene conto delle forme della vita contemporanea, di una socialità interagente e di confine. La qualità emotiva di una attività progettuale di Pasquale Culotta assorbe sguardi diversi e punti di vista molteplici che sono in grado di integrare le esigenze sociali delle persone con le condizioni d’origine a cui si vuole riportare il manufatto storico. È un complesso sistema di rapporti che lega queste parti fra significati e differenze in un’attività sistemica che mira alla definizione di parti con soluzioni strutturanti, attraverso nuovi servizi e ambiti riconoscibili. L’architetto, tra le proposte strutturali e culturali, interpreta per innesti puntuali le forme dentro il costruito. Il progetto deve ricostruire la propria ragion d’essere a partire dall’esistente non ignorando una sensibilità nei confronti delle tecniche artigianali, applicate in particolare agli ambiti spaziali per le attività culturali.
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
Giunta, S. (2022). Dalla tessitura del presente alle reinvenzioni spaziali. Un caso di studio a Raccuja (Me). In C. Marzullo (a cura di), Un percorso del fare 5. Il rapporto tra città, paesaggi storici urbani e architettura (pp. 37-46). Geraci Siculo (PA) : Arianna.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
GIUNTA un percorso del fare 5_iris.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.89 MB
Formato Adobe PDF
1.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/565584
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact