Palermo: dopo il leader, i partiti