Un «fenomeno strano e inatteso»: riflessioni sulla ceramica di Centuripe