Qualche riflessione sul C.G.A a margine del libro di Salvatore Raimondi