Nuovi percorsi di ricerca geografica: il caso di Caltabellotta