"Mangiate le sue carni!" (Eur. Troad. 775): ferinità della guerra nel teatro tragico