Violenza del concetto? A proposito della relazione di M. Stadtler