Sui planctus del Mistero di sant'Agnese: un altro modello trobadorico