Gardenia. Sul teatro della fine